Home / Cronaca Nera / Prime verità sulla morte di Domenico Maurantonio
domenico maurantonio

Prime verità sulla morte di Domenico Maurantonio

Proseguono le indagini sulla morte di Domenico Maurantonio, precipitato dal 5° piano di un hotel. Si procede con l’esame del dna ed il rilievo delle impronte digitali degli studenti.

Gli inquirenti che stanno seguendo il caso di Domenico Maurantonio, il diciannovenne che in gita scolastica è precipitato dal 5° piano di un hotel di Milano, hanno avuto le prime confessioni da parte dei compagni.

Da quanto hanno rivelato i ragazzi, che sono stati ascoltati alla procura di Milano, quella sera sembra che gli studenti abbiano bevuto un più del solito e qualcuno ha messo del lassativo nella birra di Domenico Maurantonio. Successivamente i ragazzi si sarebbero addormentati profondamente e non hanno sentito nulla di strano durante la notte.

Ricordiamo che la scientifica che ha analizzato il cadavere di Domenico ha notato sul braccio della vittima alcuni segni, ipotizzando che probabilmente qualcuno voleva bloccare con la mano la caduta del ragazzo.

Tre studenti si sono posti volontariamente all’esame del dna e a quello delle impronte digitali. Gli inquirenti hanno anche sequestrato il telefono del ragazzo, con il quale lo stesso ha inviato messaggi ad altri compagni di scuola tramite WhatsApp fino alle cinque del mattino della domenica nel quale Domenico ha perso la vita.

Molto presto si conoscerà il nome di colui che ha messo il lassativo nella birra a Domenico. Ora gli inquirenti ipotizzano: lesioni colpose, morte come conseguenza di altro reato, omissione di soccorso.

Quello che doveva essere un semplice scherzo si è rivelato un grave episodio nel quale un giovane ragazzo ha perso la vita.

Guarda Anche

cronaca nera stufa

36enne incinta abortisce per lo scoppio della stufa

L’esplosione della stufa ha fatto abortire una donna di 36 anni, che è rimasta sconvolta da quanto accaduto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

loading...