Home / Cronaca Nera / Ravenna: si spara dopo aver ucciso la compagna ed il cane
omicidio suicidio ravenna

Ravenna: si spara dopo aver ucciso la compagna ed il cane

Un uomo di 57 anni, Marco Rossi, probabilmente depresso, ha ucciso la compagna di 56 anni, Paola Fabbri. Marco Rossi spara al cane e si toglie la vita.

Altro caso di omicidio-suicidio accaduto nel ravennate, a Cervia. Le vittime sono una parrucchiera di 56 anni ed un ex vigilante di 57. I corpi di Paola Fabbri ed il suo compagno Marco Rossi sono stati trovati in fin di vita dalla madre di lei che li attendeva per pranzare insieme.

L’omicida, Marco Rossi, ex guardia giurata ed attualmente disoccupato, prestava aiuto nel salone di parrucchiera della compagna Paola. Marco e Paola stavano insieme da venti anni e, stando a quanto rivelano le persone che li conoscevano, erano delle persone tranquille.

Marco ha sparato dei colpi in testa alla compagna Paola con la pistola che deteneva ancora dal suo lavoro come guardia giurata, ha centrato anche il loro cane e si è tolto la vita colpendosi alla tempia. I cadaveri sono stati trovati in fin di vita ancora in pigiama visto che il salone di parrucchiera, nel quale lavorava la donna, quel giorno era chiuso per turno.

Secondo gli inquirenti che stanno seguendo le indagini il movente dell’azione omicida di Marco Rossi è probabilmente una forte depressione causata da una grave malattia.

I carabinieri, dalla prima ricostruzione dei fatti, sostengono che l’omicida non abbia ucciso la compagna a causa di qualche conflitto tra di loro. Gli inquirenti sostengono invece che Marco Rossi avrebbe dovuto sottoporsi ad un intervento che gli avrebbe cambiato radicalmente la vita. L’omicida infatti soffriva da tempo di una malattia intestinale grave ed assumeva farmaci antidepressivi.

Probabilmente Marco Rossi non ha retto l’idea di essere sottoposto ad un intervento che gli avrebbe cambiato la qualità della vita ed ha deciso di farla finita.

Guarda Anche

cronaca nera omicidi

Padre uccide il figlio dopo una lite!

La tragedia è avvenuta a Napoli. A dare l'allarme è stata la mamma della vittima. Il padre al momento dell'arresto, era in uno stato di shock!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

loading...