Home / Cronaca Nera / Caso Cucchi, il Pg ha chiesto di annullare assoluzione medici
cronaca-nera-cucchi

Caso Cucchi, il Pg ha chiesto di annullare assoluzione medici

Procede l’inchiesta bis della Procura di Roma sul caso Cucchi. La procura ha iscritto cinque carabinieri nel registro degli indagati

Continua a far parlare il caso Cucchi. Il procuratore generale della Cassazione Nello Rossi, nella sua requisitoria ha chiesto di annullare l’assoluzione dei cinque medici coinvolti nel processo per la morte di Stefano Cucchi. E’ stata invece confermata l’assoluzione di un sesto medico. Rossi ha anche chiesto un nuovo processo per i medici dell’ospedale Sandro Pertini di Roma Aldo Fierro, Stefania Corbi, Flaminia Bruno, Luigi De Marchis e Silvia Di Carlo.

L’unica conferma di assoluzione in Cassazione è per la dottoressa Rosita Caponetti, che è stata già prosciolta per falso ideologico. Il pg ha inoltre sottolineato che i referti dell’ingresso di Stefano Cucchi nella struttura protetta dell’ospedale Pertini “devono essere considerati come un capitolo clamoroso della sciatteria e trascuratezza della assistenza riservata a Cucchi”.

Inoltre, il pg ha chiesto di confermare l’assoluzione per i tre agenti di polizia penitenziaria coinvolti nel processo. Rossi ha ribadito che le violenze subite sono state eseguite tra la perquisizione notturna a casa dei genitori alla fine della permanenza a piazzale Clodio per la convalida dell’arresto.

Procede quindi l’inchiesta bis della Procura di Roma che ha iscritto cinque carabinieri nel registro degli indagati, tre per lesioni personali aggravate e abuso d’autorità e due per falsa testimonianza. Allo scopo di ottenere dal gip una nuova perizia medico-legale sulle lesioni patite dal giovane è stato richiesto l’incidente probatorio.

Guarda Anche

cronaca nera varani

Caso Varani: i killer cercavano una vittima da due giorni

Dopo l'uccisione di Luca Varani e dopo i risultati ottenuti dall'autopsia, si è appreso che che la coltellata al cuore non fu la causa della sua morte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

loading...