Home / Cronaca Nera / Arrestati due ventenni per maltrattamenti ad un disabile
cronaca nera aggressioni

Arrestati due ventenni per maltrattamenti ad un disabile

L’accusa per i due ragazzi è di aver molestato e schiaffeggiato altre volte un portatore di handicap mentale. Terribile la scena del cancello ripresa e inviata a una compagna di scuola del giovane disabile.

I carabinieri di un comune del Salento hanno arrestato due giovani di 21 anni, Riccardo Cassone e Edoardo Tauro, per aver minacciato, molestato e schiaffeggiato un minorenne affetto da handicap mentale. L’episodio che ha fatto scattare l’arresto risale al novembre del 2014, quando i tre aggressori costrinsero il disabile a seguirlo dopo averlo afferrato con le mani.

I due condussero il giovane in un luogo isolato del paese detto “Coira”: lì i due malviventi legarono il disabile a un cancello con una catena di metallo e lo tennero segregato per oltre un’ora, umiliandolo e prendendolo a schiaffi. Gli fecero anche fumare uno spinello. La scena fu filmata con un cellulare e inviata ad una compagna di scuola del disabile.

Adesso i due 21enni sono ai domiciliari, mentre una terza persona è stata denunciata in stato di libertà. Inoltre, i carabinieri stanno cercando di identificare una quarta persona accusata di aver diffuso il video tramite WhatsApp.

Pare che il ragazzino disabile abbia subito vessazioni per diversi mesi: schiaffi, denigrazioni, insulti, da “handicappato” a “mongoloide”, e per diverse volte i tre “amici” smontarono la sella della bicicletta al ragazzo gettandola via, o in altre occasioni gli hanno portato via anche il cellulare. Il filmato del cancello è stato mostrato al ragazzino disabile, che ha riconosciuto gli aggressori. Ora i tre giovani dovranno difendersi dalle accuse a loro carico, inequivocabili.

Guarda Anche

cronaca nera alexander

Alexander Boettcher condannato a 23 anni di carcere

Alexander Boettcher è stato condannato a 23 anni di carcere con l'accusa di lesioni, aggressioni con l'acido e associazione a delinquere, ma lui si dichiara innocente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

loading...