Home / Cronaca Nera / Pena ridotta per gli amanti che uccisero Gualtieri
cronaca nera omicidio

Pena ridotta per gli amanti che uccisero Gualtieri

Delitto di Possagno: pena ridotta per gli amanti che uccisero Gualtieri. L’uomo, 39 anni, fu ritrovato carbonizzato dietro il tempio del Canova.

POSSAGNO – Si avvicina il processo per gli amanti che uccisero Gualtieri, il 39enne di Romano d’Ezzelino (Vicenza). Il delitto risale al 23 aprile scorso: la vittima fu trovata cadavere a Possagno, lungo una mulattiera che si trova dietro il tempio del Canova.

La vittima era stata prima stordita e poi colpita con un violento colpo alla testa. Il corpo era stato poi carbonizzato ed era stato rinvenuto in avanzato stato di decomposizione sotto un cumulo di pietre da due boscaioli.

Accusati di aver ammesso il delitto sono il 27enne Manuel Palazzo e la 41enne Lucia Lo Gatto: per i due amanti l’accusa è di omicidio volontario aggravato e occultamento di cadavere.  La richiesta del pm Serena Chimichi era stata di giudizio immediato, ma la coppia ha scelto di essere giudicata con rito abbreviato e di approfittare del fatto che la loro pena può essere ridotta di un terzo.

L’udienza è stata fissata di fronte al gup di Vicenza per il 14 gennaio. Presto i due complici potranno godere quindi di questo beneficio, ingiusto però nei confronti del pover’uomo che è rimasto vittima del complotto dei due amanti.

Guarda Anche

cronaca nera omicidi

Padre uccide il figlio dopo una lite!

La tragedia è avvenuta a Napoli. A dare l'allarme è stata la mamma della vittima. Il padre al momento dell'arresto, era in uno stato di shock!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

loading...