Home / Cronaca Nera / Ucciso un ventunenne a colpi di pistola
cronaca nera omicidio

Ucciso un ventunenne a colpi di pistola

Nella cittadina di Bari le vie si tingono nuovamente di rosso sangue. A distanza di una settimana dall’omicidio di Sciannimanico, viene ucciso un diciannovenne.

Sono circa le 19.30 quando il ventunenne Cristian Midio viene sparato in strada. I negozi a quell’ora ancora sono aperti e per le vie della città ancora c’è gente. Cristian, conosciuto dalle forze dell’ordine per piccoli precedenti quali lo spaccio di droga e rapina, viene colpito da quattro colpi di pistola, tre dei quali al torace ed uno al braccio.

L’attentato è avvenuto in via Guido Petroni, ad angolo di Giulio Petroni nel barese. Il ragazzo dopo la sparatoria si è accasciato a terra privo di sensi. Cristian è stato raggiunto immediatamente dai soccorritori i quali si sono presto resi conto che le condizioni del ragazzo erano gravi. Il ferito è stato condotto al Policlinico ed i medici si sono prodigati per salvargli la vita.

A nulla è servito l’intervento chirurgico da parte dei medici perchè Cristian ha perso la vita poco dopo. Non si conoscono ancora le motivazioni per questo tragico omicidio. Poche settimane fa sempre nella stessa località in via Japigia, è stato ucciso l’immobiliare Giuseppe Sciannimanico.

Secondo le prime ricostruzioni degli inquirenti, pare che Cristian Midio abbia parcheggiato il suo scooter in via Pellegrini e sia stato raggiunto da due killer. I due sicari appena hanno sparato a Cristian si sono dileguati a bordo di uno scooter. Il ragazzo ha avvertito il pericolo ed è iniziato a scappare rifugiandosi presso una tabaccheria.

Il sindaco di Bari, Antonio Decaro, invita i cittadini a non chiudersi nell’omertà e chiede agli stessi di rivelare qualche dettaglio che potrebbe essere utile a ricostruire l’omicidio ed a incastrare i killer.

Guarda Anche

cronaca nera omicidi

Padre uccide il figlio dopo una lite!

La tragedia è avvenuta a Napoli. A dare l'allarme è stata la mamma della vittima. Il padre al momento dell'arresto, era in uno stato di shock!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

loading...