Home / Cronaca Nera / Caso Bozzoli: si cercano tracce di protesi
cronaca nera bozzoli

Caso Bozzoli: si cercano tracce di protesi

Proseguono in maniera serrata nel bresciano le ricerche dell’imprenditore scomparso Mario Bozzoli. Gli inquirenti stanno setacciando anche il fiume Mella.

Continuano in maniera serrata le ricerche dell’imprenditore Mario Bozzoli scomparso misteriosamente  presso la fonderia  di cui era titolare insieme al fratello Adelio sita in Marcheno nel bresciano.

Gli inquirenti che stanno eseguendo le indagini sono convinti che Mario non è mai uscito dalla fonderia e che probabilmente il killer ha spinto il corpo in uno dei forni presenti nell’azienda che produce lingotti di ottone. Le telecamere presenti attorno all’azienda non hanno ripreso nessuna immagine nella quale si evince che l’imprenditore sia uscito dall’azienda.

L’anatomopatologa Cristina Cattaneo e Cesare Cibaldi, esperto in metallurgia stanno filtrando le scorie  lavorate grazie all’utilizzo di un setaccio a tre maglie di grandezza. Ma cosa stanno cercando esattamente? Gli inquirenti sperano di trovare tra le scorie dei materiali, tracce di protesi dentarie. Il dentista Claudio Bozzoli figlio di Mario, ha impiantato a suo tempo una protesi dentaria al titanio.

Gli inquirenti però non escludono nessuna ipotesi ed in queste ore stanno setacciando anche il fiume Mella, che scorre dietro l’azienda, alla ricerca del  corpo (visto che in quella specifica zona non sono presenti le telecamere).

Ricordiamo anche che si attendono i risultati della autopsia del corpo di Giuseppe Gherardini, addetto ai forni della fonderia di Bozzoli. L’uomo è deceduto per morte naturale o è stato avvelenato perchè sapeva qualcosa?

Guarda Anche

cronaca nera bozzoli

Caso Bozzoli: trovata la punto bianca!

Caso Bozzoli: ritrovata la punto bianca che transitava più volte nella rotonda vicino l'azienda la sera dell'otto ottobre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

loading...