Home / Yara Gambirasio / Yara, per tre anni una telecamera nascosta sulla lapide
cronaca nera yara

Yara, per tre anni una telecamera nascosta sulla lapide

Una videocamera nascosta ha spiato i movimenti delle persone che hanno visitato la tomba di Yara. Non è stata però rilevata la presenza di Massimo Bossetti.

Durante l’udienza del processo sulla morte della tredicenne Yara Gambirasio sono state proiettate immagini talmente cruente da invitare i presenti ad uscire dall’aula, dove però è stato presente anche Massimo Bossetti.

Le immagini hanno mostrato il corpo martoriato della ragazza e di come fosse stata seviziata mentre era viva e immobile.
Tanti dunque gli elementi emersi e, oltre le agghiaccianti rivelazioni sulle condizioni della piccola Yara, la procura di Bergamo ha rivelato di avere utilizzato uno strumento per fare luce sul caso.

Si tratta di una telecamera nascosta installata nel cimitero cittadino, di fronte la tomba dove è seppellita la piccola e messa lì allo scopo di monitorare chi è andato a visitarla in tutti questi anni.

La telecamera si trova in quel luogo dal maggio del 2011 e in tutto questo tempo ha registrato i movimenti delle persone che hanno visitato la piccola Yara. Tra le persone che hanno visitato la tomba di Yara però non è mai stata vista la presenza di Massimo Bossetti.

Guarda Anche

cronaca nera omicidio suicidio

Coppia si uccide perchè non è in grado di pagare il mutuo!

Lucio Leonelli ha sparato alla moglie e si è suicidato. La coppia non riusciva a pagare il mutuo ed ai vicini ha detto che sarebbe partita in Bulgaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

loading...